login
  http://www.patroneditore.com

via Badini 12 - Quarto Inferiore - 40057 Granarolo dell'Emilia - Bologna
Telefono: +39 051 767003 Fax: +39 051 768252
P.Iva IT00599901204 - Registro delle Imprese Bologna 03162660371

  La rivista
  Come acquistare
  Cerca Articoli
  Come contattarci
  Le nostre Riviste
  Libri
  ISSN: 0390-0460
Anno: 2014
Numero: 1-2-3
Fascicolo: 1-2-3/2014
Prezzo: 14.00 €
Rivista:
Micologia Italiana
Autori:
Ambrosio E., Brotzu R., Lancellotti E., Franceschini A., Zotti M. 
Articolo:
Macrofungi in Abies alba Miller plantation in north-western Sardinia, Italy
Abstract:

In order to fill the lack of knowledge on macrofungal component associated with Abies alba, this paper presents a study on the above-ground macrofungal communities of a planted A. alba stand in north-west Sardinia (Italy). The knowledge on macrofungal diversity associated with this kind of habitat in Italy is very poor and fragmented since very few studies have been carried out. Field surveys performed in the Sardinian stand have revealed the presence of 119 species. Several species such as Amanita pseudoregalis, Cortinarius vernus, and Mycena algeriensis are very rare and uncommon and their peculiar morphological and ecological characters are discussed. The ectomycorrhizal fungi group was the richest both in number and in percentage of species recorded. The comparison of our results with those from other Italian natural and planted A. alba forests showed a similar species composition between natural and artificial stands

Lo studio riguarda i macrofunghi di una fitocenosi della Sardegna, che rappresenta l’unica realtā in tutta la regione in cui l’abete bianco, originatosi da processi di riforestazione, costituisce un vero e proprio nucleo forestale. Tale tipologia boschiva, in Italia, risulta scarsamente studiata in particolare sotto il profilo micologico. Le indagini, svolte nell’arco di tre anni (2010-2013), hanno portato al ritrovamento di 119 Basidiomycota. Russulaceae (22 specie), Tricholomataceae (17) e Cortinariaceae (13) sono state le famiglie pių rappresentate; mentre i generi pių ricorrenti sono risultati essere Inocybe e Russula, con 10 e 13 specie rispettivamente. Dal punto di vista ecologico le specie sono state ricondotte a 72 ectomicorriziche (equivalenti al 60%), 34 saprotrofe del suolo (29%), 11 saprotrofe lignicole (10%) e solo una specie parassita. Ad ogni specie censita, inoltre, č stato attribuito un valore di raritā sulla base delle segnalazioni bibliografiche e delle checklist consultate. In seguito a questa valutazione, il 9% delle specie individuate sono risultate essere “rare”. Tra queste da sottolineare, ad esempio, il ritrovamento di Amanita pseudoregalis, specie in letteratura considerata molto poco frequente. I risultati sono anche stati confrontati con quelli di studi simili condotti in abetine di altre regioni italiane. Nello specifico si sono considerate due aree della Toscana comprendenti, sia siti naturali, che artificiali, ed una foresta autoctona della Liguria. Pur tenendo conto che gli studi sono stati eseguiti adottando differenti metodologie di campionamento, i risultati ottenuti sembrano indicare una composizione di specie simile tra i popolamenti di abete bianco confrontati. In quasi tutti i siti considerati i funghi ectomicorrizici dominano, sia in numero di specie, che in percentuale. Inoltre, come osservato anche in altri paesi europei, non sono emerse rilevanti differenze tra le aree naturali e quelle artificiali. I dati ottenuti contribuiscono ad ampliare le conoscenze inerenti i macrofunghi, sia in generale sul territorio sardo, sia pių nello specifico in siti caratterizzati da vegetazione arborea a dominanza di abete bianco, confermando che questa tipologia forestale rappresenta un habitat favorevole alla crescita di numerose specie.

 
Torna al fascicolo 
Pàtron editore S.r.l.
tel. 051 767003 - fax 051 768252
info@patroneditore.com
Termini di utilizzo  |  Privacy  |  Accessibilità © Pàtron editore Bologna. Tutti i diritti sono riservati