login
  http://www.patroneditore.com

via Badini 12 - Quarto Inferiore - 40057 Granarolo dell'Emilia - Bologna
Telefono: +39 051 767003 Fax: +39 051 768252
P.Iva IT00599901204 - Registro delle Imprese Bologna 03162660371

  La rivista
  Come acquistare
  Cerca Articoli
  Come contattarci
  Le nostre Riviste
  Libri
  ISSN: 2240-3604
Anno: 2016
Numero: 9-10
Fascicolo: 9-10/2016
Prezzo: 14.00 €
Rivista:
TECA
Autori:
ANNA GIULIA CAVAGNA 
Articolo:
Linguaggio dei segni, macchine per comunicare. Il Tachifenografo (1808) fra tipografia e manualistica sulla sorditā d'antico regime (XVI-XVIII)
Abstract:

L‘indagine mira ad evidenziare le somiglianze, in termini di metodologia e di pensiero, tra il mondo dei lavori tipografici (stampanti, compositori) e (dopo la diffusione della tipografia stessa) l‘insegnamento storicamente sviluppato ideato per educare i sordomuti. Il parallelismo riguarda le somiglianze relative alla gestualitā e al pensiero cognitivo. Nella scuola elementare italiana del XX secolo, ancora si usavano piccole stampanti portatili per insegnare ai bambini a leggere e a scrivere. Tali somiglianze emergono dall‘osservazione, un po‘ meno cursoria del solito, di due fatti specifici: la letteratura a stampa nella prima etā moderna il cui tema č la sorditā, e un‘invenzione locale genovese del XIX secolo progettata per le persone sorde e completamente e inspiegabilmente caduta nell‘oblio.

The survey highlights similarities, in terms of methodology and thought, between the work of the typographic jobs (printers, composers) and (after the spread of typography itself) the historically developed teaching devised to educate the deaf and dumb. The parallel regards similarities concerning the method of gestures and cognitive thought. In Italian elementary school of the XXth cent., they still used small portable printers to teach children reading and writing. Those similarities emerge from observation, a bit less cursory than usual, of two specific facts: 1) the printed literature published in the early modern whose theme is deafness 2) a local Genoese invention of the Nineteenth century designed for deaf people and completely and inexplicably fallen into oblivion.

 
Torna al fascicolo 
Pàtron editore S.r.l.
tel. 051 767003 - fax 051 768252
info@patroneditore.com
Termini di utilizzo  |  Privacy  |  Accessibilità © Pàtron editore Bologna. Tutti i diritti sono riservati