login
  http://www.patroneditore.com

via Badini 12 - Quarto Inferiore - 40057 Granarolo dell'Emilia - Bologna
Telefono: +39 051 767003 Fax: +39 051 768252
P.Iva IT00599901204 - Registro delle Imprese Bologna 03162660371

  Trova per:
  Autore o Titolo
  Collane
  Materia
  Riviste
  Newsletter
  Contatti
 
ISBN 9788855534895
formato 14,5 x 21,5
pag. 198
anno 2020
Vostro prezzo € 27.00
Luciano di Samosata
Filosofi in vendita. Introduzione, traduzione e commento (a cura di) Iannucci Alessandro
Materia: Lingua e letteratura classica
Edizioni e saggi universitari di Filologia classica  n. 71

Sommario:


INDICE

Presentazione:

Nei Filosofi in vendita, dialogo travestito da commedia, i filosofi della tradizione classica vanno all’asta come in un mercato di schiavi: le più diffuse dottrine filosofiche sono a disposizione per l’acquisto da parte del miglior offerente in cerca di un nuovo status e di competenze utili per un’ascesa sociale che sembra alla portata di tutti. Il bersaglio polemico di questa paradossale vendita sono i ciarlatani e gli imbroglioni che hanno trasformato in merce ricercata l’ascesi di Pitagora, lo stile di vita di Diogene e quello di Aristippo, gli insegnamenti di Democrito ed Eraclito, i modelli etico-politici di Socrate e Platone, la teoria epicurea e quella stoica, l’enciclopedia del sapere aristotelica e, infine, la sospensione del giudizio degli scettici. La sorprendente invenzione si deve a Luciano di Samosata, voce irriverente del periodo degli imperatori-filosofi, tra Adriano e Marco Aurelio, quando lo studio della retorica e della filosofia assicurava prestigio e ben remunerati incarichi nell’amministrazione pubblica. Originario di una piccola città ai confini orientali dell’impero e orgogliosamente straniero rispetto alla lingua e alla cultura dominante, Luciano è uno scrittore potente: capace di suggerire nuove visioni del mondo, di sostenere la ribellione intellettuale rispetto alle opinioni prevalenti attraverso una satira feroce alle ambizioni di potere dei professionisti della cultura. Eunapio lo definiva «uomo serio nel far ridere», Fozio gli riconosceva la capacità di mettere in commedia l’arroganza dei filosofi. L’elenco dei lettori illustri potrebbe continuare, da Teodoro Prodromo a Settembrini fino a Savinio, Sciascia e Pasolini. In particolare fu autore prediletto di Leopardi che progettava «Dialoghi Satirici alla maniera di Luciano», quasi «piccole commedie o Scene di Commedie», e arrivò così a concepire le Operette morali come un nuovo tipo di letteratura in grado di rappresentare caricaturalmente la condizione umana del secolo delle magnifiche sorti e progressive, scenario non troppo distante, a dire il vero, da quello dei giorni nostri.

Pàtron editore S.r.l.
tel. 051 767003 - fax 051 768252
info@patroneditore.com
Come acquistare
Termini di utilizzo  |  Privacy  |  Accessibilità © Pàtron editore Bologna. Tutti i diritti sono riservati