Banner OpenAccess

Gli affetti e le ragioni della retorica

Quintiliano e la sua ricezione
Baffetti Giovanni (curatore) - Citti Francesco (curatore) - Giunta Fabio (curatore) - Pasetti Lucia (curatore)
Gli affetti e le ragioni della retorica
ISBN/EAN: 9788855535779
Pubblicazione: 2022
Pagine: XI-268
Formato: 15 x 21
Acquisto carta

Quantità:

Gli affetti e le ragioni della retorica

Attraverso un approccio interdisciplinare, frutto della collaborazione tra classicisti e italianisti, il volume pone al centro la riflessione di Quintiliano sulla funzione degli adfectus entro il maestoso edificio dell’Institutio oratoria, ricostruendone la formalizzazione analitica, in rapporto alle fonti anteriori, e seguendone gli sviluppi e gli effetti sino al tardo Rinascimento, non soltanto sul piano della dottrina retorica, ma anche su quello complementare della poetica e della letteratura. Ma poiché la dimensione emotiva e conativa del movere si integra strettamente a quella cognitiva e razionale del docere, la trattazione, allargando la prospettiva in diverse direzioni, affronta anche altri aspetti del capolavoro di Quintiliano, per sondare come vi si compongano, in una sintesi unitaria, teoria e prassi, tecniche della scrittura e arte dell’improvvisazione, pedagogia e culto delle lettere. Ne esce così un quadro mosso e variegato che, dando risalto all’intreccio fra temi della tradizione ed elementi innovativi, offre al lettore un’immagine dell’Institutio oratoria alquanto differente da quella, canonica ma riduttiva, di autorevole summa del sapere retorico antico, e al contempo ne mostra la forza modellizzante, pervasiva e vitale attraverso i secoli, delineando per campioni una storia della fortuna del paradigma quintilianeo dall’Umanesimo sino alla nostra modernità.

INDICE

Baffetti Giovanni

Giovanni Baffetti insegna letteratura italiana all’Università di Bologna. I suoi ambiti di ricerca d’elezione sono il Rinascimento e il Barocco, i rapporti tra letteratura e scienza e la storia delle idee. Ha dedicato diversi volumi alla cultura del Seicento italiano e ha curato alcune miscellanee sulla letteratura religiosa dal Tre al Cinquecento. Attualmente sta preparando una monografia su Torquato Tasso, di cui ha già pubblicato presso Rizzoli l’edizione commentata dei Dialoghi.


Citti Francesco

Francesco Citti insegna Letteratura latina all’Università di Bologna. Si occupa di letteratura filosofica (in particolare di Lucrezio, Orazio e Seneca), di declamazione e della ricezione dei classici nelle letterature moderne. Tra le sue pubblicazioni: Studi oraziani. Tematica e intertestualità (2000); Cura sui: studi sul lessico filosofico di Seneca (2012); Law and Ethics in Greek and Roman Declamation (ed. 2015).


Giunta Fabio

Fabio Giunta è ricercatore presso il Dipartimento di Filologia Classica e Italianistica dell’Università di Bologna. Si occupa prevalentemente di letteratura italiana di Cinque e Seicento. Ha pubblicato saggi su retorica e letteratura sacra, e in particolare su Tasso, Panigarola e Marino, e diversi volumi, fra i quali Francesco Panigarola, Vita scritta da lui stesso, edizione critica e commento (2008); Magia e storia in Torquato Tasso (2012).


Pasetti Lucia

Lucia Pasetti insegna Letteratura latina all’Università di Bologna. Le sue ricerche interessano principalmente la commedia, la prosa e la retorica di età imperiale. Per questo editore ha pubblicato Plauto in Apuleio (2007) e Le Declamazioni minori attribuite a Quintiliano. I (244-292), frutto della collaborazione con studiosi di varie università (2019).


POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

TESTI E MANUALI PER L'INSEGNAMENTO UNIVERSITARIO DEL LATINO

VOLUMI DELLO STESSO AUTORE