Banner OpenAccess
Banner Torrossa

A Study on Possible Archimedes’ Cannon

Rossi Cesare Unich Andrea
Articolo Immagine
Rivista:
Rivista Storica dell’Antichità
Anno:
2013
Numero:
XLIII
Fascicolo:
Rivista Storica dell’Antichità N.XLIII/2013

Acquisto digitale

Acquista:

€ 14.00

Gli autori partono da alcuni indizi presenti in testi di antichi Autori (principalmente Plu¬tarco, Petrarca e Da Vinci) per studiare la possibilità che Archimede abbia costruito un cannone a vapore e lo abbia usato per colpire le navi Romane con proiettili incendiari. Lo studio è basato principalmente sui disegni del cannone fatti da Leonardo Da Vinci che egli stesso attribuisce ad Archimede e su altri indizi storici. Prima di tutto viene discussa la possibilità che Archimede (come dice la legenda) abbia usato per davvero specchi concavi che concentravano i raggi del sole per dar fuoco alle navi romane. Poi gli autori propongono un algoritmo per valutare il diagramma della pressione in funzione del vol¬ume in un cannone a vapore del genere, al fine di valutarne le prestazioni. Infi ne vengono calcolati le traiettorie del proiettile e le gittate per poter stabilire se un cannone del genere potesse colpire una nave in movimento. Il diagramma di pressione e le traiettorie del proi¬ettile del cannone a vapore di Archimede (basato sugli indizi storici riportati) mostrano che esso è compatibile con la tecnologia antica ed è efficace. Parole chiave: Archimede, specchi, cannone, tecnologia antica.

Assuming some passages by ancient Authors (mainly Plutarchos, Petrarca and Da Vinci) as clues, the authors investigate on the possibility that Archimedes built a steam can¬non and used it to hit the Roman ships with incendiary projectiles. The investigations are mainly based on the cannon drawings from Leonardo Da Vinci that he attributes to Archimedes and on some other historical clues. First of all is discussed the plausibility that Archimedes (as a legend tells) really used large concave mirrors that concentrated the sun rays to burn the Roman ships. Then the authors propose an algorithm to evaluate the pressure diagram in such a steam cannon; this in order to predict its performances. Finally projectile trajectories and range figures are computed in order to evaluate the pos¬sibility of such a cannon to hit a moving ship. Working cycle and projectile trajectory of Archimedes’ steam cannon (based on reported historical clues) show compatibility with ancient technology and effectiveness. Keywords: Archimedes, mirrors, cannon, ancient technology.